© 2023 by The Health Spa.  Proudly created with Wix.com

  • Grey Facebook Icon
  • Grey Google+ Icon
  • Grey Twitter Icon

Senilità

Disturbi psicologici dell’anziano:

L'invecchiamento è un'importante fase della vita che porta a confrontarsi con cambiamenti significativi dal punto di vista personale, familiare e sociale.

E' una fase in cui ci si ritrova anche a fare i conti con aspetti di sé tralasciati sino ad allora. Tutto questo puo' generare sofferenza e disturbi tra i quali i più comuni sono quelli della sfera depressiva e i disturbi d’ansia.

La sofferenza può però manifestarsi anche con un'importante componente somatica o con una diminuzione del funzionamento cognitivo.

Solo una diagnosi accurata svolta da un équipe specializzata puo' consentire di individuare il percorso di cura più opportuno.

Strumenti come la valutazione neuropsicologica e la consulenza psichiatrica a questo scopo possono essere molto utili.

Intraprendere un percorso di psicoterapia può aiutare la persona anziana ad affrontare con maggiore serenità questa fase di vita focalizzandosi sul riconoscimento della sofferenza e sulla ricerca di un nuovo equilibrio e valorizzando le proprie risorse individuali, familiari e sociali.

Decadimento cognitivo:

Con l’avanzare dell’età si assiste ad un progressivo Deterioramento Cognitivo, un indebolimento cioè delle funzioni cognitive quali attenzione, apprendimento e memoria, funzioni esecutive, linguaggio, funzioni percettivo-motorie.

Se nella maggioranza dei casi si tratta di un processo inevitabile e fisiologico talvolta può essere sintomo di patologie di tipo vascolare o degenerativo (quali ad es. la malattia di Alzheimer) talvolta di disturbi di tipo psicologico.

La diagnosi differenziale a questo proposito riveste un ruolo cruciale: la presenza di un'equipe specializzata in quest'area che possa fornire valutazioni di tipo medico, psicologico e neuropsicologico è fondamentale per poter orientare verso gli interventi più opportuni.

Nei casi di decadimento lieve (Mild Cognitive Impairment, MCI) trattamenti di stimolazione cognitiva possono contribuire a mantenere il più a lungo possibile le proprie abilità cognitive residue e ad acquisire strategie per affrontare nel modo migliore le difficoltà.

Nei casi di demenza possono essere utili percorsi di supporto psicologico per le persone affette da questa patologia o per i propri familiari.

Per questi ultimi possono essere di grande aiuto, inoltre, consulenze specifiche (in studio o a domicilio) sulla organizzazione degli spazi e del tempo con il proprio caro nonché sull'uso della parola e della conversazione (sulla base dell'approccio capacitante del Prof. Vigorelli) e/o incontri informativi volti a conoscere e a gestire meglio la malattia ed i suoi disturbi cognitivi, comportamentali e psicologici.